La micro-dormita è caratterizzata dalla sua breve durata, meno di 10 minuti. Il Dr. François Marchand, specialista del sonno, spiega: “Questo periodo di tempo corrisponde alle prime fasi del sonno: sonnolenza e sonno leggero. La persona è rilassata, ma è rimasta reattiva agli stimoli esterni. Una volta sveglia, la persona è immediatamente operativa“.

 

Il rilassamento può abbassare i ritmi biologici del cervello in fase di sonno leggero. Per questo motivo alcuni specialisti ampliano la definizione della micro-dormita come uno stato di particolare relax. Con un po’ di pratica è possibile raggiungere questo stato in pochi minuti, il tempo necessario per eseguire alcuni respiri profondi.

 

Permettersi una o più micro-dormite durante il giorno possono aiutare a finire più velocemente un lavoro urgente, a studiare in modo più efficace per un esame, a essere in forma per un appuntamento, a migliorare le prestazioni sportive, a evitare di addormentarci al volante…

 

“La micro-dormita ci aiuta a rifornirsi di carburante per una durata equivalente al tempo della sua durata moltiplicato per 10 o 15 volte – precisa Bruno Comby, specialista in medicina preventiva -. Durante la micro-dormita la respirazione rallenta, il battito cardiaco rallenta e i muscoli si rilassano, permettendo una vera pausa del corpo e della mente. La micro-dormita ci permette di aumentare la nostra efficacia anche con un notevole carico di lavoro.”

 

In genere è abbastanza facile programmare le micro-dormite durante i giorni in cui ci sentiamo più stanchi del solito. “All’inizio e alla fine della giornata lavorativa (a casa, sul trasporto pubblico, auto…), dopo il pranzo e in qualsiasi situazione di attesa. La micro-dormita sostituisce in modo più salutare la pausa caffè o la sigaretta.“, spiega il Dott. Meunet.

 

Combattere tale fenomeno è possibile grazie agli oli contro l’insonnia acquistabili anche come simpatici regali di natale.